Zapraszam Welcom Benvenuti
Alicja Ochocinska FRAKTALIKA
Paintings                      Benvenuti          Zapraszamy          Welcom                Exhibition



©  Bogusław Ochociński
 Alicja Ochocinska FRAKTALIKA

                 She was born in Wojcieszów, a place in Dolny Śląsk (Lower Silesia) in Poland. In 1987 she graduated from the University of Economics in the city of Wrocław. Fraktalika is a self-taught artist and she does not identify herself with any particular style or trend in painting; she draws instead inspiration from her experience, carefully selecting means to better convey the message of a particular painting. Art has attracted her since her earliest years and throughout most of her life it was her inner passion, shared only with a small circle of her closest friends. Slowly has she grown to realize that art is her destiny, her way of life; she came to understand that only a few years ago and decided to come out and share her works with a wider audience. What had a great impact on the artist’s creating her own style was her getting acquainted with  mathematical sets called fractals; she used the principles of fractals to widen the horizons of her perception of the world, the reality and the rules that organize them. Referring to fractals in her paintings the artist attempts a profound analysis of the truth about forms, their interdependencies and their mutual permeability. In the formal sphere, these paintings are the search for the universal, almost mathematical formula that would describe the circulation of matter and energy and of their ability to transform into each other. Spherical forms seem to be the start of emerging worlds, which hold in themselves all the potential of the new and the undefined. Geometrical, dynamic, abstract forms depict phenomena taking place in matter, matter’s ability to break apart as well as to renew the process of selective building. These twisting, vibrating forms, which are either a building material or a background of themes on the borders of fantasy, legends, and myths, belong to them and contribute to their mystery and airiness; the forms suggest that a presented scene may as well disappear into thin air. The paintings seem to be realistic but if the “props” are real, the situation is  anachronistic between the conscious and the dreamed. On the other hand, some concrete themes are represented by fantastical creatures (angel- and bird-like); people acquire the features of things and phenomena and things become human. Where several worlds meet, they create a new quality, in which one cannot tell what changes into what and if the present state of a thing or a person is the final one. The dominant compositional pattern is bipolarity, dualism, the span of a picture in the space between two opposites, which remain in a given pattern and therefore show striving towards balance and harmony. The opposites communicate, start a game, produce energy and change the matter. Through such a constitutional pattern the painter attempts to analyze the themes related to society, human struggles, anxieties, emotions, love, passing, etc.; in order to do so, she reaches for symbols and meanings rooted in culture and coming from myths, legends and literature. Stirring and emotional visions are to provoke the viewer to look at a human being as at a creature tangled between its physical and mental nature and at matter as at a substance with a potential to create, fall apart and change.



Achievements

Since 2003, when the painter decided to share her artworks with a wider audience, she has taken part in numerous exhibitions and contests. Articles and information about her have appeared in press. She has cooperated with cultural and artistic associations like: “InterTeam”, “Una Strada per l’Arte” and “Affabulazione”, as well as “Accademia di Libere Scienze ed Arti ALEXANDROS” and a modern art gallery called “L’Epireo”.



More significant exhibitions

2002 Debut in the Internet under the title “Another dimension gallery”
2003 „Fraktalika”, Wojcieszów, Poland
2003 „Friends”, Art Gallery  „L'Angelo Azzurro”, Campo de’Fiori, Rome.
2004 „Expoclub”, Art Gallery  „L'Angelo Azzurro”, Campo de’Fiori, Rome.
2004 „Primavera In Club”, Exhibition rooms  „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Rome
2004 „.....”, Exhibition rooms  „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Rome
2005 „“I percorsi nel tempo... “, Exhibition rooms „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Rome
2005 Ekspozycja, Art Gallery  „De Vito”, Via Merulana, Rome
2005 „Quadrilogia natalizia”, Art Gallery  „L'Epireo”, Via Pandosia, Rome
2006 „Janvier”, Art Gallery  „L'Epireo”, Via Pandosia, Rome
2006 „Primo Vere”, Art Gallery  „L'Epireo”, Via Pandosia, Rome
2006 „Affabulazione ed Affabulanti 2006”, Art Gallery  „L'Epireo”, Via Pandosia, Rome
2006 „Affabulazione e non solo”, Centro Culturale Egiziano - Via delle Terme di Traiano, Rome
2007 „Piccolo Formato”, Exhibition rooms  „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Rome
2007 „Il Fascino in ...discreto della Fantasia”, Teatro Comunale di Caserta, Italy



Contests and awards


2004 „Sulle Strade del Tempo......”, InterTeam Club, Roma - awarded with an individual exhibition of her works
2005 „Trofeo Vincenzo Michele”, Una Strada per l'Arte, Roma – awarded with a medal endowed by the Authorities of Rome
2005 „Santa Nicholaus”, Art Gallery  Contemporanea „L'Epireo”, Roma – critics’ special award for artistic achievements.




Reviews - chosen extracts



Fraktalika takes us to an exotic and far away world. Alicia O., alias
Fraktalika, in her work, gives form to spiritual experiences, wandering
between alchemy and technology. Her painting is a representative example of
anachronistic post-modern figurative art. The images evoke a sort of
futuristic middle age in which knights and astronauts are co protagonists.
                                                                                      Bruno Regni 

Fraktalika: a name that reflects the symbolism used by the artist to tell
tales and legends with her paintings. In Ochocinska's art doesn't exist time
or space but only Eternal. Through forms and colours she is capable of
bringing out our spiritual being.
                                                                                      Anna Salvati

 All the hidden and clear disciplines of human knowledge are investigated and represented in the artistic and cultural world of Alicja Ochocinska. In the thinking and well thought out "building" of the work's cultural contents, the painter ranges from physics to metaphysics, from theology to mystic paganism, from philosophy to history, to myth, to fairy tale, from esoterism to fractals, to mathematics, to... and so on. These are therefore complex, intriguing, deep works enjoyable by an attentive and prepared public. An inattentive or absent-minded observer cannot approach them. This is only possible for somebody fully aware of a puzzle of difficult composition. But what a satisfaction we can have in discovering that  in symbolism these works open infinite folds of knowledge; half-open doors on dreams, fantasy, on... expressive freedom and of thought. What can we say about the complex technique of the artist? It is stratification of planes and pictures; superimposition of colours and coatings; summation of light and shade in a masterly manual skill. We can discover the wisdom of drawing and the mastery of the techniques in every work. This is therefore a complete talented and complex artist, certainly successful.
                                                                                                                           Alessia Cervelli


 Alicja Ochocinska FRAKTALIKA

                    Alicja è nata a Wojcieszów nella regione della Bassa Slesia, in Polonia. Nel 1987 si è laureata in economia all'Università di Breslavia. Fraktalika è autodidatta e non si identifica con nessuno stile o tendenza nella pittura; attinge dall’esperienza in questo settore, scegliendone con cura i mezzi per la migliore espressione del messaggio contenuto nella sua opera. La creazione plastica è un amore che le nasce sin dall’età più tenera e per la maggior parte della sua vita è stata la sua passione interiore, condivisa solo con un circolo molto ristretto di persone. Era consapevole che l’arte fosse il suo destino e la strada della sua vita ma solo alcuni anni fa ha deciso di mostrare la propria arte per condividerla con un pubblico più vasto. La scoperta d’insiemi matematici chiamati, frattali, i cui principi le sono serviti per estendere l’orizzonte della percezione del mondo e della realtà, nonché delle leggi che li gestiscono, ha avuto un grande impatto sulla formazione del suo stile artistico. Riferendosi ai frattali, l’artista cerca di approfondire nei suoi quadri la verità riguardante diverse forme, le loro relazioni reciproche e la compenetrazione di una forma nell’altra. Nel loro aspetto, i dipinti costituiscono la ricerca della formula, universale e quasi matematica, della circolazione della materia e dell’energia, nonché della trasformazione dell’una nell’altra. Le forme sferiche sembrano primordi di nuovi mondi che celano in se tutto il potenziale del nuovo ed ancora indefinito. Le forme astratte, geometriche e dinamiche rappresentano fenomeni che si verificano nella materia, la sua capacità di disintegrazione e della ricostruzione selettiva. Queste forme serpeggianti e vibranti che diventano materiale da costruzione o sfondo dei temi, dai confini della fantasia, delle favole e dei miti, si uniscono perfettamente e conferiscono ai dipinti un velo etereo e di mistero, quasi che la scena rappresentata può sciogliersi in un attimo.
I quadri danno un’impressione realistica (gli oggetti sono reali) ma la situazione rappresentata si colloca a metà fra veglia e sogno. D’altra parte alcuni temi trattano di creature fantastiche (angeli, uccelli) o di oggetti e fenomeni i quali possono assumere forme e caratteristiche di esseri umani o viceversa. Il contatto tra diversi mondi crea una nuova qualità. Non si sa che cosa si trasformi in che cosa-altro e se lo stato in cui qualcosa si trova attualmente sia quello definitivo. La composizione dominante è la polarità, il dualismo, la disposizione del quadro nello spazio in modo da collocarlo fra due opposti che, rimanendo in un ordine definito, mostrano la tendenza all’armonia ed all’equilibrio. Questi opposti si mettono in contatto, iniziano un gioco, producono energia e trasformano la materia. Servendosi di questo tipo di composizione, la pittrice cerca di approfondire argomenti riguardanti la società, lotte umane, angosce, emozioni, amore, caducità ecc., sfruttando simboli e significati radicati nella cultura, provenienti dai miti, dalle leggende o dalla letteratura. Le visioni spettacolari ed emotive inducono a guardare l’uomo come un essere aggrovigliato tra la sua natura carnale e mentale, e la materia come sostanza con un potenziale creativo, soggetto alla disintegrazione e alla trasformazione.


Successi
 
Dal momento in cui ha deciso di condividere la sua arte con un pubblico più vasto, in pratica dal 2003, la pittrice ha partecipato in numerose esposizioni e concorsi. Nella stampa, sono stati pubblicati anche diversi articoli e notizie sulla sua arte. Attualmente collabora con associazioni culturali come: „InterTeam Club”, „Una Strada per l'Arte”, con il movimento artistico e culturale „Affabulazione & Affabulanti”, con l’Accademia di Libere Scienze ed Arti “ALEXANDROS” e con la Galleria d'Arte Contemporanea „L'Epireo”.



Mostre principali


2002 Esordio su Internet con titolo „Galleria dall’altra dimensione”
2003 „Fraktalika”, Wojcieszów , Polonia
2003 „Friends”, Galleria d'Arte „L'Angelo Azzurro”, Campo de Fiori, Roma
2004 „Expoclub”, Galleria d'Arte „L'Angelo Azzurro”, Campo de Fiori, Roma
2004 „Piccoli Quadri sotto l’Albero” Galleria d'Arte „L'Angelo Azzurro”, Campo de' Fiori, Roma
2004 „Primavera In Club”, Locali espositivi  „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Roma
2005 „I percorsi nel tempo... “ , Locali espositivi „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Roma
2005 Esposizione , Galleria d'Arte „De Vito”, Via Merulana, Roma
2005 „Quadrilogia natalizia”, Galleria d'Arte „L'Epireo”, Via Pandosia, Roma
2006 „Janvier”, Galleria d'Arte „L'Epireo”, Via Pandosia, Roma
2006 „Primo Vere”, Galleria d'Arte „L'Epireo”, Via Pandosia, Roma
2006 „Affabulazione ed Affabulanti 2006”, Galleria d'Arte „L'Epireo”, Via Pandosia, Roma
2006 „Affabulazione e non solo”, Centro Culturale Egiziano - Via delle Terme di Traiano, Roma
2007 „Piccolo Formato”, Locali espositivi „Una Strada per l'Arte”, Piazza Sempione, Roma
2007 „Il Fascino in ...discreto della Fantasia”, Teatro Comunale di Caserta, Italia



Mostre concorsi


2004 „Sulle Strade del Tempo......”, InterTeam Club, Roma -   premiata con una mostra individuale
2005 „Trofeo Vincenzo Michele”, Una Strada per l'Arte, Roma – premiata con medaglia di bronzo offerta dal Comune di Roma
2005 „Santa Nicholaus”, Galleria d'Arte Contemporanea „L'Epireo”, Roma – selezione speciale della Critica al merito artistico




Frammenti scelti dalla critica


„Fraktalika, già con i suoi nomi ci porta in un mondo esotico, evocando immagini di mondi lontani: Alicja Ochocinska. L'artista opera all'interno di esperienze spirituali spaziando, in una sorta di misticismo, dall'alchimia alla tecnologia, in un viaggio narrativo che non è solo nei contenuti ma anche nelle immagini e in rappresentazioni di un figurativismo "anacronistico" o "colto", che dir si voglia, individuabile nell’ampio spazio artistico del post-modern che si è aperto oramai da alcuni anni.
Le scene (perché i quadri di Fraktalika sono brani di vasti racconti) sono rappresentate in un tempo-spazio indefinito, una sorta di impalpabile medio evo prossimo venturo in cui cavalieri ed astronauti sono coinvolti e copresenti.”
                                                                                                                        Bruno Regni



 „ Alicija Ochocinska noi la conosciamo come Fraktalika: un nome d’arte che riflette tutto il simbolismo con il quale l’artista narra favole e leggende con forme e colori attinti dai frattali (rappresentazioni visive di equazioni matematiche) riuscendo così ad essere una splendida interprete del viaggio simbolico e mitico dell’Essere. Ogni quadro è un tuffo nell’intimità umana dove non esiste Tempo e Spazio ma solo Eterno Presente”.  
                                                                                                                         Anna Salvati



 „ Tutte le discipline, occulte e palesi, dello scibile umano vengono indagate e rappresentate dal mondo artistico e culturale di Alicja Ochocinska. Nella “costruzione” pensante e pensata dei contenuti culturali dell'opera, la pittrice spazia dalla fisica alla metafisica, dalla teologia al mistico pagano, dalla filosofia alla storia, al mito, alla favola, dall'esoterismo ai frattali, alla matematica, alla...e quanto altro si possa aggiungere. Sono, dunque, opere complesse, intriganti, profonde, fruibili da un pubblico attento e preparato; ad esse non può accedere un osservatore disattento o distratto ma solo chi sia pienamente consapevole di avere davanti un “puzzle” di difficile composizione. Ma quanta soddisfazione sa darci poi, lo scoprire nel simbolismo le infinite pieghe della conoscenza che queste opere aprono; porte schiuse sul sogno, sulla fantasia, sulla...libertà espressiva e di pensiero.
Che dire della complessa tecnica dell'artista; è stratificazione di piani e immagini; sovrapposizione di colori e velature; sommatoria di luci ed ombre in una sapiente “manualità” che lascia scoprire la sapienza del disegno e la padronanza delle tecniche usate, che ogni opera sottende. Artista completa e complessa, dunque, di talento e di sicuro successo”.
                                                                                                                         Alessia Cervelli





Zawartość Witryny:  | PaintingsDrawingsOn hte GlasArtist InfoPaintigs Exhibition in FleshFractals |
Zawartość Witryny:  |  Quadri    |  Disegni   |     Critica    |  Biografia  |     Eventi      |  Contatti